Il cronista della Stella Rossa

Sottoposto a censura nell’Unione Sovietica post bellica, mai completamento adottato dall’Occidente perché poco calzante con i canoni della “dissidenza classica”, Vasilij Grossman ha trovato negli ultimi decenni il posto che merita fra i grandi della letteratura mondiale.

Nella sua vita scorrono nomi e luoghi della cronaca dei nostri giorni. Nato in Ucraina a Berdichev in una famiglia ebraica assimilata, sostenitrice della Rivoluzione d’Ottobre e decimata dalla furia nazista (mamma inclusa), Grossman studia chimica e lavora nelle miniere del Donbass, a Donestk. Ma la vocazione è un’altra: la scrittura.
Diventerà uno dei più celebri giornalisti di guerra, scrivendo per uno dei giornali dell’esercito: Stella Rossa. Al seguito dell’Armata Rossa, Grossman viaggerà da Stalingrado fino alla Polonia, fino alla scoperta dei campi di sterminio nazisti di Treblinka e Majdanek.

Dopo la guerra avvia il progetto letterario della sua vita: un “Guerra e Pace” del XX secolo, composto da Stalingrado, finora inedito in Italia, e da Vita e Destino, pubblicato nel 2008 sempre da Adelphi.
Stalingrado è il titolo che l’autore avrebbe voluto dare fin dalla prima edizione russa. Ma la censura sovietica volle diversamente: insieme ad altre “correzioni”, lo chiamò “Per una giusta causa“.

Come in Tolstoj, anche nell’opera di Grossman la grande Storia collettiva e la piccola storia dei singoli si scontrano: la prepotenza della prima annichilisce e distrugge la vita dei secondi, dei Vavilov, degli Saposnikov, degli Strum.
Il colpo mortale che Hitler e Mussolini volevano infliggere all’Unione Sovietica si trasforma nella disfatta nel nazifascismo trascinando milioni di essere umani in un gorgo mortale. I singoli, che nulla possono di fronte al fiume della Storia, sono però in grado di conservare bagliori di umanità e di bontà.

Mentre la guerra si avvia alla fine, il cuore e la testa del cronista della Stella Rossa custodiscono la speranza di assistere all’apertura di una nuova pagina della storia del suo Paese, in cui possano emergere le reali esigenze del popolo e degli esseri umani che con epica resistenza si erano opposti al nazismo: meno povertà, più libertà.
In Stalingrado, infatti, l’amor di patria non è mai bieco retorico nazionalismo, come quello imposto dalla retorica staliniana, bensì apporto straordinario dei singoli soldati, ufficiali, civili. Sono loro quelli a cui la Russia, l’Unione Sovietica, avrebbe dovuto dire grazie. Stalingrado è un tributo a tutti loro.

Vasilij Grossman, Stalingrado, Adelphi, 28€

Prenota e ritira in libreria

Compila il form per inviare la tua richiesta di prenotazione e venire a ritirare il libro in negozio. Fornendo i dati richiesti, esprimi implicitamente il consenso ad essere contattato via mail o telefono, per comunicazioni relative alla disponibilità di quanto prenotato.

Acquista

Se invece decidi di acquistare il libro direttamente, clicca sul tasto acquista e segui le indicazioni. Il libro ti verrà inviato all’indirizzo di spedizione che avrai indicato dopo il perfezionamento del pagamento

scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità editoriali, ti comunicheremo mediante mail i titoli che di volta in volta abbiamo scelto per la nostra libreria. Potrai sempre cancellarti dal nostro elenco se riterrai che le nostre comunicazioni siano troppo invasive o di scarso interesse per te.

Complimenti, ti sei iscritto alla newsletter

C'è stato un errore. Prova di nuovo.

Pagina59 will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: