Il mondo visto dalla cruna dell’ago

I punti fermi tracciati dal lavoro delle mani, mani di donne, danno voce a un’identità altrimenti negata.

Il libro di Clare Hunter – artista e curatrice tessile con grande capacità di narrazione – dedicato al ricamo e al cucito, arte “minore” ma molto diffusa e trasversale, rimanda a una certa di idea di “fare storia”: quella della Nouvelle Histoire di Bloch, Braudel, Le Goff capace di allargare l’orizzonte dello storico a oggetti e attività di uso comune, alle scienze sociali.

Ebbene con Hunter scopriamo come il cucito e il ricamo siano stati  linguaggi per comunicare in assenza di altri mezzi. Una scoperta che attraversa il millennio scorso: dall’arazzo di Bayeux che per tutti celebra i Normanni vincitori ed è in realtà pieno di lodi per lo sconfitto Harold; ai ricami di Maria Stuarda intenta a rappresentare la lotta fra lei ed Elisabetta, al cucito terapeutico imposto come rieducazione nelle terribili carceri inglesi dell’800.

Ma gli esempi arrivano vicino ai nostri anni: sono i foulard e gli scialli delle madri di Plaza de Mayo con il ricamo del nome del figlio desaparecido o le arpilleras, i patchwork di denuncia del regime cileno. Celebrare, esprimere gioia o dolore, denunciare le ingiustizie, tener viva la memoria.
Un grande libro!

Clare Hunter, I fili della vita, Bollati Boringhieri, 18,50€

scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità editoriali, ti comunicheremo mediante mail i titoli che di volta in volta abbiamo scelto per la nostra libreria. Potrai sempre cancellarti dal nostro elenco se riterrai che le nostre comunicazioni siano troppo invasive o di scarso interesse per te.

Complimenti, ti sei iscritto alla newsletter

C'è stato un errore. Prova di nuovo.

Pagina59 will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: