novità

Il mercato editoriale propone decine di migliaia di novità. Forse troppe. Ci proponiamo l’umile obiettivo di selezionare le migliori ovvero di fare la nostra proposta. Anche accogliendo le richieste, i suggerimenti, i gusti dei lettori.

  • Una gatta chiamata Learco
    “Che poi il mio gatto, era una gatta, anche se, poverina, aveva un nome da gatto, che poi era un nome d’uomo, si chiamava Learco.Se fossi tornato indietro l’avrei chiamata Fufi…” Si l’autore è lui, Paolo Nori, scrittore, traduttore, blogger, docente allo IULM di Milano e alla Scuola Karenin di Bologna, quello che ci tiene incollati con le sue dirette Instagram o le registrazioni su You Tube al racconto della letteratura russa e, con i suoi libri e una scrittura che si nutre di avanguardie russe e lingua emiliana ci porta ad amarla, a scoprirla o riscoprirla. In questo libro […]
  • The dark side della scrittrice
    Quanto è diventato difficile per la letteratura interrogarsi sul male. Opzione che si scontra con l’esigenza di compiacere il lettore e, di consolare. Esigenza di consenso e commerciale. Eppure, ci dice Loredana Lipperini, conduttrice del Fahrenheit di Radio3 dei tempi nostri, non c’è nulla di più efficace della letteratura fantastica e horror nel raccontare la realtà, nell’ingaggiare un “corso a corpo con il Male” , nell’evitare lo zucchero che addolcisce qualsiasi orrore per affidarsi al valore salvifico (?) delle buone famiglie. Valore richiesto agli scrittori e ancor più alle scrittrici, alle quali “viene richiesto di raccontare di sé senza turbare”. […]
  • Giorno dopo giorno in compagnia di Virginia
    “Ci verrà del bene a convivere per un anno, fianco a fianco, con una creatura che non ha mai ceduto, in cambio di sicurezza o di identità, il suo grande amore per un’esistenza libera” Ne è sicura Nadia Fusini, autrice del libro, studiosa di letteratura inglese comparata, presidente dell’Italian Virginia Woolf Society e, qui, costruttrice di un diario virtuale dove troviamo, giorno dopo giorno, lettere, recensioni, estratti dai diari e dai libri, collocati nei 365 giorni di un anno che attraversa tutti gli anni vissuti dalla Woolf. E così, giorno dopo giorno, si passa da una considerazione sul ritmo de […]
  • Cercasi signora disponibile
    “Quando la signora Vinter uscì per strada e inspirò l’aria fresca della serata primaverile pensò a quanto bella fosse la vita nella sua imprevedibilità. Le era capitata una situazione davvero rara, inattesa. In seguito all’esperienza con il signor Bauer, era come se si fosse imbattuta in un pioniere di una disciplina completamente nuova. Le apparve così logico quel lavoro con le carezze…” Un libro sulle occasioni perse. Quelle di Florijan Bauer, un ingegnere vedovo che si guadagna da vivere grazie a un’invenzione casuale e che da tempo ha deciso di allontanare le emozioni dalla, e Veronika Vinter, impiegata di banca […]
  • Europa perduta Europa ritrovata
    Questo è un libro scritto di notte, precisa Paolo Rumiz, perché nel buio, attorno al fuoco, sono nati i racconti delle nostre radici, narrazioni fondanti di Europa. Emozione e nostalgia, sconfitta dei vecchi europei e caparbietà dei nuovi che anelano a una nuova patria. Libro poetico denso di miti e di orrori quotidiani. Da leggere subito. Quattro Argonauti si imbarcano alla ricerca di un continente che ha perso l’anima e persino il nome. E’ l’Europa che i 4 nomadi van cercando: Sam il francese askenazita, Ulvi il turco di madre tedesca, Petros il greco, l’astronomo, il narratore senza nome di […]
  • E come disse Cher “L’uomo ricco sono io”
    Frase fulminante e illuminante quella di Cher. Quando la madre le consigliava di smettere di cantare e trovarsi un uomo ricco, rispose: “Mamma, l’uomo ricco sono io”. Eh si, ancora oggi, il rapporto fra donne e denaro, fra donne e patrimoni è terribilmente problematico. Lo è quando si cerca un lavoro o si negozia una retribuzione, quando si “aprono testamenti” davanti a un notaio e il patrimonio va ai figli (maschi) e una mancia (magari lauta) alla femmina, quando l’educazione alla gestione del denaro e quindi alla capacità di acquisire autonomia reale viene riservata prevalentemente ai maschietti di famiglia. L’indipendenza […]
  • Esercizi di meraviglia
    Esercitare la meraviglia e il non sapere cura il cuore malato che ha potuto esercitare solo la paura. Avere amici animali e vegetali aiuta. L’invito a non sapere non è una celebrazione dell’ignoranza bensì una riflessione, una meditazione su ciò che sfugge e che, quindi, si può coltivare, sperimentando l’avvicinamento al mondo animale e vegetale. La poetessa Vivian Lamarque ha detto che Chandra Candiani non fa in tempo ad aprire bocca che nasce una poesia” . E questo libro senza poesie è una collezione di conversazioni poetiche. Un libro disordinato, a detta dell’autrice, che non vuole essere imbrigliato, che si […]
  • Ma non bastava un si?
    Forse sono l’insicurezza che tutti ci consuma o la necessità di essere perentori a farci aggiungere alla chiarissima particella si l’inascoltabile assolutamente si. E’ una delle spiegazioni che si dà Edoardo Albinati in questo pamphlet – j’accuse non violento per comprendere come la retorica abbia travolto e appiattito tutto, allontanandoci dalla realtà, dalla necessità di approfondire e dalla inebriante fatica di comprendere. Leggendo le pagine di Velo pietoso possiamo riconoscere un personaggio famoso, una situazione, una trasmissione televisiva e con essi l’ossessivo ripetersi di affermazioni banali, scontate, che nulla significano e a nulla servono per comprendere fatti vicini e lontani. […]
  • Attendendo Lepanto
    “Ah quante cose non si raccontano perché considerate minori rispetto alla grande storia”. Sono i dettagli del caso e delle misere vicende umane che accompagnano l’ingordigia e l’orrore del potere. Anche in quella feroce mattanza del 1571, passata alla storia come la battaglia navale di Lepanto. Per l’occasione venne allestita la più grande flotta del mondo, incaricata dal Papa e dall’Imperatore di sterminare gli ottomani e impedire che il feroce Saladino passeggiasse per le strade di Vienna mangiando krapfen. Il tutto en el nombre de Dios Ma perché un tal flotta venne concentrata proprio a Messina e non altrove? Perché […]
  • Ho scritto t’amo sulla sabbia e il vento non se l’è portato via
    No, non è un libro solo per boomers, non è un’operazione nostalgia (beh un po’ di quella c’è…). Ma un tuffo nella storia e nella società italiana attraverso le “canzonette”, la musica leggera, a volte leggerissima, delle estati italiane. Il libro di Enzo Gentile si cimenta con 300 canzoni e 100 artisti di successo dal 1960 fino ad oggi: dai mangianastri allo streaming, dal Juke Box a Spotify, da Mal a Fedez, da Gigliola Cinquetti alla “femmina alfa” Baby K. , da Caterina Caselli a Gianna Nannini, dai Franco I e IV ai Boomdabash. L’estate è la stagione più cantata […]
  • Autobiografia di una mangaka
    Molto tempo è passato da quando scandì, al telefono con la mamma, il suo proposito: “voglio diventare un mangaka”. E fu così che si trasferì dalla provincia nella capitale Tokyo. Un passaggio decisivo. Ma non quanto quello di andare a vivere in una residenza, in una comune diremmo in occidente con altre aspiranti mangaka. Lei è Keiko Takemiya, rettrice della Kyoto Seika University di cui ora è professoressa emerita, presidente della Japan Society Studies in Cartoons and Comics, consulente del Manga Research Center: una vera autorità per chi conosce e ama i manga. Dalla residenza che diventerà il “Salone Oizumi”, […]
  • Finestre sull’altrove
    60 storie, 60 disegni, 60 esseri umani fuggiti dai loro Paesi per cercare sicurezza, e protezione che osservano dalle finestre l’Altrove che hanno trovato. Altrove è il nuovo Paese e la nuova vita ma anche il luogo dove non è possibile tornare. Ognuna delle 60 storie è narrata in prima persona ed è stampata sulle pagine pari; ognuna è affiancata da un disegno di Matteo Pericoli, una veduta incorniciata da finestra, che è invece pubblicato sulla pagina dispari, così che lettura e visione possano procedere da sinistra a destra, senza interruzioni.Il libro è arricchito dalla prefazione di Gianni Ruffini di […]
  • Genova per noi
    Del Genoa Social Forum che partecipò al G8 di Genova nel luglio 2021 facevano parte 1.187 organizzazioni unite dallo slogan “un altro mondo è possibile”. Qualcuno si occupò di negarlo con:– i manganelli della della polizia sui ragazzi e il tappeto rosso concesso ai black bloc mascherati, la mattanza della Scuola Diaz, la morte di Carlo Giuliani, gli arrestati senza motivo e senza tutela legale nelle carceri;– la sospensione della democrazia con politici e istituzioni al servizio del delirio neo-liberista. Quello che ha creato la grande crisi finanziaria del 2008 e quella greca del 2015, che ha generato la casta […]
  • Giugno 1991. Inizia la guerra in Jugoslavia
    30 anni fa con la dichiarazione unilaterale di secessione di Slovenia e Croazia il sogno di “Fratellanza e unità” della Jugoslavia andò in mille pezzi. Inizia l’ultima guerra in territorio d’Europa. Pulizie etniche, stupri di massa, genocidi, esodi forzati si susseguirono insieme al più lungo assedio di una città europea: quello di Sarajevo, più lungo di quello di Leningrado durante la II guerra mondiale.Il fotografo Mario Boccia, a lungo presente sullo scenario di guerra jugoslavo, ci racconta una storia. Quella della fioraia di una bancarella del mercato di Markale a cui Mario fa una domanda: di che etnia sei? Domanda […]
  • Amare l’Irlanda
    Sinn Fein Sinn Fein Bobby Sands lives again. 40 anni dopo la sua morte, avvenuta dopo un lungo sciopero della fame, il rivoluzionario irlandese di Belfast non cessa di ispirare e commuovere. La sua è una vicenda che intreccia la lotta per l’indipendenza e la dignità dei nordirlandesi cattolici con la tenacia e la sensibilità umana di un giovane ribelle lucido e inflessibile. Arrestato senza prove, fu rinchiuso nel carcere di Long Kesh e, dal 1976, nei famigerati Blocchi H con i quali il governo britannico marchiò i combattenti repubblicani dell’IRA come terroristi. Sands divenne un militante dell’IRA all’età di […]
  • C’è chi dice no!
    Ci sono un piemontese, un milanese e un bosniaco tutti nati nel 1942. Sono un micro melting pot di un paese di montagna che si sta spopolando, dove tutto e tutti sono diventati ex. Tranne che “il salto della lepre”. Si perché a Riva Cannobbia è l’unica vera attrazione rimasta, “…una strana cascata del torrente dove l’acqua prende velocità in salita lungo un grande masso che si biforca verso l’alto sembrando da lontano due orecchie da coniglio e poi fa un salto tra un orecchio e l’altro fino a precipitare in una pozza profondissima di acqua cristallina”.Da alcuni anni quel […]
  • Italia 2786. Tutti al mare ai lidi di Lodi?
    1000 anni dopo Goethe, un giovane turista mitteleuropeo, Milordo, visita l’Italia. E’ il suo Grand Tour.Arriva da un’area geografica dove il clima è decisamente mutato, o troppo freddo o troppo caldo, ma la struttura fisica della terra è rimasta sostanzialmente intatta. Nulla in confronto all’Italia. Qui il mare ha sommerso pianure e città, inclusa Venezia. Belluno, in montagna, è diventata la metropoli del Triveneto. I monti Lessini, nei pressi di Verona, costeggiano costeggiano calette adorne di palme, datteri e banani. Verona è (ancora) un’affascinante città, solcata da canali e sorretta su palafitte. Il basso Garda è diventato un’area lagunare decisamente […]
  • La vita in un dettaglio
    “Quel che riunisce queste pagine, che a lungo sono state piste di atterraggio per la polvere, è un’indulgente rilegatura: altro non lo giustifica…”Non fatevi ingannare da queste parole dell’autore. Le 279 pagine di Libro di furti sono puro godimento, uno dei modi migliori per trascorrere una serata divertente, magari con l’aiuto di un buon calice di vino rosso, che la profonda leggerezza delle parole non offusca. Le micro-biografie di scrittori e dei loro personaggi immaginari, così come quelle di vite spezzate raccolte da Baroncelli “come conchiglie sulla spiaggia” sono tutte l’esito di uno sguardo spesso ironico su un particolare, quello […]
  • I profumi del mondo
    Sandalo, cannella, cedro, muschio, basilico, patchouli, violetta, gelsomino, lavanda, mimosa, osmanto, ylang-ylang, bergamotto, limone, cardamomo….sono legni, foglie, fiori, frutti, semi ed emanano profumi spesso di effimeri, di breve durata. Il più persistente è quello dello ylang-ylang, diffusissimo nelle Comore e nel Madagascar: il preferito dalla profumeria francese che lo importa copiosamente dalle ex colonie. Scrive Jean Giono: “Gli dei creano gli odori, gli uomini fabbricano i profumi. Deboli e nudi riescono a sopravvivere solo per mezzo di macchinari…Il profumo è l’odore più l’uomo”Ellena, naso esclusivo di Hermes fino al 2018 e poi creatore indipendente, ci guida in un viaggio poetico, […]
  • Se l’è cercata
    La violenza contro le donne (e non solo) e il linguaggio che la alimenta e la descrive: è questo il tema del libro di Stefania Spanò in arte Anarkikka, vignettista, illustratrice e femminista. Un tratto riconoscibilissimo, capace di sintetizzare temi e problemi serissimi e dolorosi. Una battaglia a colpi di vignette contro il linguaggio assolutorio nei confronti dell’uomo e la colpevolizzazione della donna. Tutti i giorni i radio-tele-giornali, compresi quelli “autorevoli” e blasonati, con i loro titoli e articoli, contribuiscono alla narrazione della donna che istiga la follia dell’uomo cacciatore-geloso-innamorato. E ciò anche quando è dimostrato che la maggioranza dei […]
  • Mi chiamo Jamie Conklin
    L’ambiguo confine fra bene e male, lo sguardo tenero sull’infanzia e quello benevolmente ironico sul mondo dell’editoria. Stephen King
  • Le parole sono importanti!
    Le parole sono importanti. Senza il linguaggio non esistono le cose, non esistono le persone. Cambiare il linguaggio è il punto di partenza per cambiare il mondo
  • Donne poco allineate
    Un libro che sembra generato dall’urgenza di raccontare, che si legge tutto d’un fiato, che suscita sconcerto e rabbia ma che spalanca le porte alla conquista della libertà.
  • L’educazione della donna alla disparità
    La più grande scrittrice francese vivente, colei che ha ridefinito i canoni dell’autobiografia ci propone questo libro tagliente, acuminato, quasi disturbante.
  • Una Lady contro il vaiolo
    L’incontro fra cultura, curiosità e scienza. Un passo avanti vero l’affrancamento da pregiudizi e pestilenze
  • Biancaneve nel Novecento
    Bianca cresce nel disordinato appartamento della periferia bolognese, respirando un’aria densa di conflitti e di un’inspiegabile ostilità materna. Fin da piccola si rifugia nelle fiabe, dove le madri sono matrigne ma le bambine, alla fine, nel bosco riescono a salvarsi.
  • Giappone in cucina. Non solo sushi
    Grazie al libro di Nancy Singleton Hachisu, le specialità regionali e le preparazioni tradizionali dell’intero Arcipelago sono accessibili a coloro che amano cucinare a casa propria.
  • Fa un po’ troppo caldo
    Come è possibile evitare che a Milano faccia caldo come a Casablanca, che Jakarta sprofondi sott’acqua e gli alligatori colonizzino il Circolo Polare Artico?
  • Il bar degli zanza
    Il Dizionario Treccani zanza, una parola dell’Italia settentrionale che sta a indicare un truffatore, l’imbroglione, il furfante.
  • Mujeres, una sofferenza resistente
    Le storie delle donne che vivono nel batey Ciguapa della Repubblica Dominicana strappano la patina della cartolina caraibica dei villaggi turistici di Bayahibe e Punta Cana.
  • Zerocalcare vale anche a Natale
    Una storia a cavallo fra il ‘900 e gli algidi anni 2000, in cui si conferma la bravura di Zerocalcare a non cadere nella trappola del “regalo natalizio” che accontenta tutti

Comments are closed.