Quando la cucina è una questione di parole

Ce lo fa intuire il precisino Julian Barnes, cuoco tardivo che dopo anni di povertà, incompetenza e conservatorismo gastronomico, si dedica alla cucina con piacere ed entusiasmo, ma da pedante apprensivo e riluttante assaggiatore.

Teoria e precisione dovrebbero caratterizzare le ricette e non empirismo e approssimazione. La frase “oh io non seguo ricette” non lo convince. Le ricette vanno seguite punto dopo punto e indagate.

La ricetta delle carote Vichy (glassate) deriva dalla presenza di ortaggi collaborazionisti? No perché in origine erano cotte nell’acqua termale…di Vichy.

Quanto sono grandi le cipolle medie? Ovvero in base a quale unità di misura? E qui è necessario affidare a un’analisi comparativa fra quelle presenti in casa: una via dimezzo fra le più grandi e le più piccole!

Anche la lista degli ingredienti, le modalità di preparazione, l’utilizzo di verbi e modi di dire ovunque presenti nei libri di cucina – affettare o tritare finemente o grossolonamente – sono l’ispirazione per un libro davvero divertente, dalla colta comicità.

Come si addice a vero pedante e raffinato scrittore inglese da cui vorremmo ricevere un imperdibile invito a cena.

Julian Barnes, Il pedante in cucina, Einaudi, 14€

scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità editoriali, ti comunicheremo mediante mail i titoli che di volta in volta abbiamo scelto per la nostra libreria. Potrai sempre cancellarti dal nostro elenco se riterrai che le nostre comunicazioni siano troppo invasive o di scarso interesse per te.

Complimenti, ti sei iscritto alla newsletter

C'è stato un errore. Prova di nuovo.

Pagina59 will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.